Baie, spiagge e grotte tra le falesie del Gargano

Alte falesie bianche e fitte pinete verdeggianti, che a volte si affacciano sugli strapiombi a volte degradano dolcemente verso il mare, caratterizzano le coste del Gargano, soprattutto il tratto tra Mattinata e Vieste. Ma le pareti rocciose nascondono anche altri spettacoli naturali….

Numerose sono le insenature con sabbia o con ghiaia che si possono incontrare nel tratto di costa tra Mattinata e Vieste, alcune sono accessibili da terra e ben protette dalle pinete e altre si raggiungono solo via mare. A completare uno scenario di per sé incantevole si aggiungono una ventina di grotte marine. Falesie, pinete, spiagge e grotte, nello splendore dei loro colori che si riflettono nel mare, appaiono in un unico quadro agli occhi di quanti scelgono di fare il tour in barca per la visita alle grotte marine. Ma sapete chi è "lo scopritore" delle grotte? Ve ne parliamo.


Un giorno Enrico Mattei, noto imprenditore italiano, è a bordo della barca da pesca dei fratelli Trimigno dai quali ha sentito parlare con orgoglio delle bellezze della costa. E infatti Mattei, letteralmente rapito dagli scenari che incontra, intuisce immediatamente il loro potenziale turistico e nel 1963 favorisce la costruzione del primo complesso turistico del Gargano, Pugnochiuso, esortando i pescatori che lo avevano accompagnato nella sua gita a mettere a disposizione le barche da pesca per accompagnare i primi visitatori che giungono sul Gargano.

Questo episodio segna la nascita del tour in barca alle grotte marine di Vieste.



Ad arricchire l'interesse storico di questi luoghi ci sono le torri costiere, oggi chiuse e non visitabili seppure si lavori per incentivarne il recupero e la valorizzazione. Si tratta di torri di avvistamento, fondamentali nelle epoche passate a prevenire gli attacchi dei pirati. Erano costruite in modo che fossero ad occhio visibili tra di loro, anche se distanti chilometri. Appena l'uomo di vedetta sul tetto intravedeva un nemico all'orizzonte, inviava segnali alle altre torri accendendo un fuoco, affinché fosse visibile il fumo di giorno e la luce di notte. Ogni uomo di vedetta sulle torri procedeva ad accendere il fuoco finché l'allarme giungeva visibile al centro fortificato dove la popolazione si metteva al sicuro dentro alle mura del paese chiudendo le porte di accesso.

La Torre San Felice ripresa dal mare insieme all' Architiello omonimo spiega in un'immagine il connubio tra costa e torri.


Architiello San Felice

Baia delle Zagare


Baia delle Zagare appartiene al territorio di Mattinata, ci piace mostrarvela dall'alto, fotografata dal suggestivo "percorso dell'amore", che dalla statale conduce a piedi verso la spiaggia di Vignanotica.









Molto belle e meritevoli di menzione sono la baia di Portogreco e la baia di Campi accessibili entrambe da terra e ultime spiagge costituite da ghiaia. Poi la costa si fa di sabbia, ideale per accogliere le famiglie con bambini in quanto il fondale aumenta molto gradualmente, e incontriamo la spiaggia di Portonuovo...

... per proseguire fin quasi nel paese con la spiaggia del Castello, che prende il nome dal castello svevo che domina dall'alto e che ospita il celebre monolite Pizzomunno.

Spiaggia Pizzomunno
Spiaggia San Lorenzo

E queste sono le spiagge del solo lato sud!

Attraversando il paese e proseguendo sul lato opposto incontriamo. La spiaggia di San Lorenzo , dalla quale si gode della vista del centro abitato, sempre con il castello che domina ma con la parte nuova del paese che si estende ai suoi piedi.





Spiaggia dei Colombi

Molto particolare, perché piccola e per la presenza di colombi che nidificano nella grotta sulla piaggia, è per l'appunto la spiaggia dei Colombi.









Spiaggia di Scialmarino

Il territorio viestano "termina", se così si può dire, con altri tre chilometri di spiaggia, noti come spiaggia di Scialmarino che da Porticello giungono fino alla Chianca, a confine con Peschici.









Come potete vedere le possibilità di scelta non mancano, sia che vi piaccia la vacanza che scorre tranquilla sotto l'ombrellone sia che vi piaccia il movimento e l'avventura. E a proposito di movimento: se siete amanti dello sport e vi piace l'idea…. Perché non visitare la costa con la canoa o il sup 🙂?

L.P.


Continuate a seguirci sui canali social per rimanere sempre aggiornati sulle novità e conoscere sempre meglio Vieste.

151 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti